Toumeyella parvicornis (Cockerell)

Dai primi mesi del 2018 anche a Roma, dopo i primi avvistamenti a Napoli già nel 2014, si stanno registrando un numero crescente di segnalazioni di Pini domestici aggrediti da questo pericoloso fitomizo (detto di organismo che si nutre della linfa succhiandola direttamente dai vasi linfatici). La Toumeyella parvicornis è un insetto appartenente all'Ordine degli Hemiptera Famiglia dei Coccidae, comunemente conosciuti come Cocciniglie. L'areale di infestazione si sta allargando a partire dal settore Roma Eur-Laurentina.

Toumeyella parvicornis
Cocciniglia tartaruga su ago di Pino

 In Campania la Cocciniglia tartaruga è stata ritrovata anche su altre specie ospiti, nella fattispecie Pinus halepensis (Pino d'Aleppo) e Pinus pinaster (Pino marittimo). Sintomi esterni molto evidenti sono la comparsa di nere fumaggini diffuse, impoverimento e deperimento della chioma, melate zuccherine.

L'insetto, che  proviene dalla ecozona neartica, trae beneficio per il suo ciclo biologico dalle miti temperature, quindi dalle situazioni climatiche favorevoli delle nostre città. Lo studio portato avanti dal Dipartimento di Agraria, Università degli Studi di Napoli “Federico II” non ha ad oggi rilevato efficaci predatori che ne controllino la popolazione. Si sta prendendo in esame l'effetto di riduzione della popolazione causato da un predatore, il Cryptolaemus montrouzieri, molto attivo sulla cocciniglia degli agrumi.

Partite dalle uova che rimangono all'interno della femmina sino a schiusura le prime forma di neanidi (crawlers) si spostano sull'albero per trovare il sito ottimale ove insediarsi e passare ai successivi cicli vitali. Lo spostamento da un albero ad un altro è stato studiato da una equipe del Royal Botanic Gardens Kew, con un interessante articolo ove si descrivono le strategie di trasporto per la colonizzazione di alberi posti anche distanti dall'ospite di partenza. I maschi e le femmine traggono il loro nutrimento, già nella prima fase del ciclo biologico di neanide, attraverso il loro apparato boccale pungente-succhiante, fissandosi sia ai teneri aghi che alla parte legnosa dei morbidi giovani getti. I maschi, alati, sfarfalleranno alla fine del loro ciclo neanidale alla ricerca delle femmine mature per l'accoppiamento. Queste ultime non si staccano, se non in senescenza, dall'albero. Le femmine inoltre producono una melata, un prodotto zuccherino di cui sono molto ghiotte formiche ed afidi. Purtroppo questa melata è anche un ottimo substrato per la formazione della fumaggine, un fungo che riduce di molto l'attività fotosintetica. Il risultato è che l'albero ospite ne risente fortemente, i getti stentano e si ha rapido deteriomento della salute dell'ospite.

Toumeyella parvicornis

Alcune fasi del ciclo biologico della Cocciniglia tartaruga.
Toumeyella parvicornis: Femmina adulta su ago di Pino.
Toumeyella parvicornis:Neanidi su ago di Pino.
Toumeyella parvicornis:Fumaggine.
Toumeyella: Maschio alato
Formica su Cocciniglia

 Si ringrazia Claude Pilon per la gentile concessione delle foto che sono state reperite dai siti:

BUGGUIDE Identification, Images, & Information For Insects, Spiders & Their Kin For the United States & Canada

LES HEMIPTERES DU QUEBEC

Articoli Utili

Toumeyella parvicornis

Approfondiamo il tema!